Home page

Informazioni

Festa Madonna della Civita
Foto del santuario

La Comunità 

del Santuario

La voce

del Rettore


voce del rettore (italiano)  the rector voice (english) 

La parola dell'Arcivescovo

Cenni Storici

Attività e iniziative

 

Pellegrinaggi

Celebrazioni

Anniversari

 

Preghiere 

alla Madonna

Passionisti

S.Paolo 

della Croce 

Padre Mauro Bastos

Collaboratori

Incoronazione Madonna

Pastorale Vocazionale

alla Civita

La devozione oltre oceano

Radio Civita

Pubblicazioni

Arcidiocesi e Itinerari dello Spirito

Sito
segnalato da..

 Mappa sito  

 

Recommended 
  resolution 
800x 600


usa le casse

 

Home page

 

  Sei

il visitatore n°  

 

 

 

Via della Trinità - GAETA (LT)
Tel. 0771/462068
 

I
l Santuario della SS.ma Trinità, detto anche della Montagna Spaccata, sorge sul pendio di monte Orlando nell'estremità sud occidentale del promontorio, oggi Parco naturale urbano. La chiesa della  SS.ma  Trinità fu edificata nel l'XI secolo.
Aveva annesso un monastero benedettino. Dopo un breve periodo di dipendenza dall'istituto della SS.ma Annunziata, passò sotto la giurisdizione del monastero di S. Angelo in Planciano come grancia.  Nel XV secolo su un masso, staccatosi dalla roccia e adagiatosi sulla fenditura centrale, venne edificata la cappella dedicata al Crocefisso. Sotto Carlo V furono costruiti i nuovi bastioni della fortezza gaetana che ancor oggi lambiscono il santuario. 
La fisionomia attuale della chiesa è frutto del restauro del XIX secolo operato dei padri Alcantarini. 
Il complesso della "Montagna spaccata" si incastona nel contesto di tre fenditure della roccia.  
A sinistra della chiesa vi è la discesa alla fenditura della Grotta del Turco. A lato si trovano le cisterne romane della villa di L.  Munazio Planco, poco distanti dall'omonimo mausoleo. A destra della chiesa si percorre un corridoio scoperto con alle pareti le stazioni della Via Crucis in riquadri maiolicati,opera di R. Bruno (1849): sotto ogni quadro i versi del Metastasio. Al termine vi è la scalinata che giunge fino alla fenditura centrale in un ambiente particolarmente suggestivo: la tradizione vuole attribuire l'apertura della fenditura al tempo della morte del Cristo, allorché, secondo le Scritture, si squarciò il velo del tempio di Gerusalemme.  Sulla parete di destra un distico latino, con a fianco un'impronta di mano, ricorda il miracoloso segno impresso da un marinaio turco miscredente, che irridendo la pia tradizione della nascita della fenditura, si appoggiò sulla roccia, che, subito, miracolosamente si rammollì. 
Poco prima della cappella del Crocefisso (sec. XIV), c'è il giaciglio in pietra di S. Filippo Neri. 
Numerosi pontefici (particolare venerazione per il santuario ebbe Pio IX),  sovrani,  vescovi,  santi (Bernardino da Siena,  Ignazio di Loyola,  Leonardo da  Porto Maurizio,  Paolo della Croce,  Gaspare del Bufalo,  Filippo Neri)  hanno visitato questo luogo di raccoglimento spirituale. 
Oggi il santuario è sede dei missionari del P.I.M.E. 

E' situato nel territorio della parrocchia di S. Paolo Ap. in Gaeta.










                                                       Arcidiocesi di Gaeta                      Home Page

 

  

         Home Page

                               
       Santuario Maria SS.della Civita 04020 Itri (LT) - Affidato ai Passionisti
        tel. (+39)  0771 727116 -  e-mail santuariodellacivita@tiscali.it C/C.p. 12394045