Home page

Informazioni

Festa Madonna della Civita
Foto del santuario

La Comunità 

del Santuario

La voce

del Rettore


voce del rettore (italiano)  the rector voice (english) 

La parola dell'Arcivescovo

Cenni Storici

Attività e iniziative

 

Pellegrinaggi

Celebrazioni

Anniversari

 

Preghiere 

alla Madonna

Passionisti

S.Paolo 

della Croce 

Padre Mauro Bastos

Collaboratori

Incoronazione Madonna

Pastorale Vocazionale

alla Civita

La devozione oltre oceano

Radio Civita

Pubblicazioni

Arcidiocesi e Itinerari dello Spirito

Sito
segnalato da..

 Mappa sito  

 

Recommended 
  resolution 
800x 600


usa le casse

 

Home page

 

  Sei

il visitatore n°  

Arcidiocesi di Gaeta

 

 


Cenni Storici  

        
l
'Arcidiocesi ha come territorio di pertinenza la fascia marittima tra Salto di Fondi e il Garigliano e, verso l'interno, la zona pedemontana che si estende da Monte S. Biagio a  Castelforte. Sono ancora pertinenti le isole del gruppo ponziano.
           Il lungo tratto costiero, che comprende anche l'area geografica del Golfo di Gaeta, offre paesaggio di rara bellezza, che, fin dall'antichità, è divenuto meta ambita per il riposo estivo e, nei tempi più moderni, zona balneare e turistica di primo piano.
            Dando un breve sguardo alla storia si può dire che le antiche civiltà hanno lasciato consistenti segni della loro presenza, tanto che l'intero territorio diocesano può essere considerato come una grande area archeologica.
            Il mondo romano ha segnato profondamente l'organizzazione del territorio con le città, gli agglomerati militari, le strutture viarie (Appia e Flacca), la portualità.
            Proprio la portualità marittima e la via Appia hanno costituito il contesto idoneo per il propagarsi della fede cristiana sul modello di quanto era avvenuto in Campania, in particolare a Cuma, a Pozzuoli, a Pompei.
            L'Arcidiocesi gaetana è erede e continuatrice, attraverso complesse vicende, delle Diocesi di
Formiae, Minturnae, Fundi, nate tra la fine del III secolo ed il IV secolo, grazie alle comunità cristiane, la cui attività evangelizzatrice può farsi risalire già al primo secolo inoltrato. Le diocesi erano disegnate sulle circoscrizioni territoriali romane: ciò accadeva per Formia, Minturno e Fondi posti sull'Appia, civitates durante il periodo repubblicano. 
           Alla caduta dell'Impero, durante i tragici eventi delle invasioni barbariche, i Vescovi delle comunità ecclesiali si segnalarono anche come punti cardine per l'unità cittadina. 
           Queste terre, costituenti l'antico
Formianum, appartenevano al Patrimonium ecclesiasticum.
          
Gregorio Magno aveva conosciuto le chiese locali di Formia, Minturno e Fondi insediandovi in seguito valide guide pastorali tra cui il vescovo formiano Bacauda. Nel 590 lo stesso Gregorio Magno decretava la scomparsa della diocesi di Minturnae unendola a quella di Formiae
           Attorno  alla fine dell'VIII secolo si era assistito alla scomparsa, prima de facto, poi nel IX secolo de Jure, della diocesi di Formiae,  quando venne ad essere sostituita da quella di Gaeta per l'avvenuto trasferimento della sede episcopale nel sicuro castro gaetano.  Nasceva così dalle ceneri di quella formiana la Diocesi di Gaeta, mentre quella di Fondi continuava ad avere vita a sè stante fino al 1814, allorchè venne estinta e la sua circoscrizione fu assegnata a Gaeta.
           Durante il periodo ducale Gaeta registrava una forte espansione sociale, economica e culturale. La città e la sua diocesi si erano strette attorno alla figura del santo patrono Erasmo, il cui culto pubblico venne sancito negli Statuti cittadini.
           Quasi contemporaneamente sorgeva durante il pontificato di Leone III la Diocesi di Castroleopoli e Traetto (nome dedicato a papa Leone), che per breve tempo ricordò l'antica Minturnae.  
           La ripresa della civiltà urbana nel X secolo aveva favorito il rientro a Montecassino dei Benedettini cassinesi, che, guardando al Golfo di Gaeta, acquisirono in breve tempo l'importante chiesa di S. Michele Arcangelo in Planciano a Gaeta e la ex cattedrale di S. Erasmo di Formia. 
          In questo periodo anche nel territorio gaetano i monasteri divennero centri di produzione letteraria ed artistica propulsori per l'intero territorio, nel quale vennero costruiti numerosi cenobi.
           Prima i monasteri e poi la stessa Diocesi di Gaeta si dedicarono allo sviluppo della coltura e ad un'intensa produzione artistica, le cui tracce ancora permangono nelle strutture urbanistiche e templari.
           I Vescovi delle due Diocesi di Gaeta e Fondi si segnalarono per la forte impronta pastorale ed evangelizzatrice nel periodo dell'età moderna, sia nelle fasi precedenti il Tridentino sia nella sua successiva applicazione.
           La Diocesi di Gaeta veniva elevata ad Arcidiocesi da Pio IX il 31 dicembre 1848.

Arcivescovo di Gaeta     M Fabio Bernardo D'Onorio
Arcivescovo Emerito di Gaeta     Mons.
Pier Luigi  MAZZONI

Superficie: Kmq. 603
Abitanti: circa 154.000
Comuni: 17

in provincia di Latina
Campodimele, Castelforte, Fondi, Formia, Gaeta, Itri, Lenola, Monte S. Biagio, Minturno, Ponza, Sperlonga,
Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia, Ventotene
 
in provincia di Frosinone
Ausonia, Coreno Ausonio, Pastena

Parrocchie: 57

 


 
ITINERARI DELLO SPIRITO
  La Cattedrale           
1 Gaeta  
  Le ex Cattedrali      
2 Fondi        3 Minturno        4 Formia 
  I Santuari               
5 Gaeta    6 Maranola    7 Fondi    8 Lenola   9 Itri     10 Ausonia 

Per visitare  i luoghi dello Spirito dell'Arcidiocesi di Gaeta,
 clicca sulla pianta, il numero attiguo alla località

                                                          Home Page

  

         Home Page

                               
       Santuario Maria SS.della Civita 04020 Itri (LT) - Affidato ai Passionisti
        tel. (+39)  0771 727116 -  e-mail santuariodellacivita@tiscali.it C/C.p. 12394045